Principali tappe della carriera artistica del cantante d'opera
Antonio Sabellico - basso -

Cronologia rappresentazioni Elenco delle città Biografia di Antonio Sabellico

in Russia e Ucraina:

Antonio Sabellico si reca in Russia almeno in 3 diverse occasioni: nel 1895 (Odessa), nella stagione invernale 1897/98 (Odessa) e nel 1905 (Odessa e Pietroburgo).

In quegli anni Odessa e l'Ucraina facevano ancora parte del territorio russo, dal quale hanno ottenuto l'indipendenza solo nel 1991.

Il Teatro Nazionale dell'Opera di Odessa fu ultimato nel 1887.

ODESSA (Ucraina)
Data Teatro Opera Autore Personaggio Num.
rappr.
Note
feb. 1895   LUCREZIA BORGIA G. DONIZETTI      
31 dic. 1897 MUNICIPALE IL BARBIERE DI SIVIGLIA G. ROSSINI BASILIO    
14 gen. 1898 MUNICIPALE GLI UGONOTTI G. MEYERBEER MARCELLO    
1 feb. 1898 MUNICIPALE AMLETO A. THOMAS CLAUDIO    
6 mar. 1905 MUNICIPALE IL TROVATORE G. VERDI FERRANDO 8  

PIETROBURGO (Russia)
Data Teatro Opera Autore Personaggio Num.
rappr.
Note
23 mar. 1905 CONSERVATORIO GLI UGONOTTI G. MEYERBEER MARCELLO 4  
29 mar. 1905 CONSERVATORIO AIDA G. VERDI RAMFIS 6  
1 apr. 1905 CONSERVATORIO LUCIA DI LAMMERMOOR G. DONIZETTI BIDEBENT 6  
11 apr. 1905 CONSERVATORIO OTELLO G. VERDI LODOVICO 8  

Il Teatro del Conservatorio di Pietroburgo fu inaugurato nel 1783 con il nome di Bolsoj Teatr (teatro grande). Esso era uno dei più importanti teatri dell'epoca, ed i migliori artisti europei ne calcarono la scena. Sul finire dell'Ottocento l'edificio venne completamente ristrutturato per ospitarvi anche un Conservatorio musicale ed oggi è denominato "Teatro lirico presso il Conservatorio Rimskij Korsakov".   Teatro del Conservatorio di Pietroburgo
Il Teatro del Conservatorio di Pietroburgo


Per le notizie di questa pagina si ringraziano:
Carlo Marinelli Roscioni - Roma

Ultima revisione: 9 settembre 2014 (da controllare)
a cura di Maurizio Grande - Collepardo
© Vietata la riproduzione in qualsiasi forma


Cronologia rappresentazioni Elenco delle città Biografia di Antonio Sabellico

Ritorno alla Pagina principale di Collepardo