Sito ufficiale del Comune www.collepardo.it: Home
Comune di COLLEPARDO
(Frosinone) - Italia

Cenni storici

 Loc. Orto dei Preti

 
Archivio fotografico
Archivio storico
Bibliografia
Sindaci, Podestà, ecc.



STORIE COLLEPARDESI

Balie di Collepardo
Collepardo al Cinema
Croce del Monte Rotonaria
Croce della Vicènda
Icona di S. Ambrogio
Notte di S. Giovanni
Presepe vivente
Sagra delle Fettuccine
Santuario Madonna delle Cese



PERSONAGGI

Gianluca ATZORI
Filippo BALBI
G. BONACQUISTI
Albino BUSSIGLIERI
CADUTI 1915-1918
CADUTI 1939-1948
Carlo CAPONE
Giuseppe CAPONE
Salvatore CRISTINI
Tullio DE SANCTIS
Raffaele DI MARIO
Tommaso DI NUNZIO
San DOMENICO abate
Serafino GRANDE
Angelo GRAZIANI
Giov. Battista GUIDI
Domenico LATTANZI
Lazzaro LIBERATORI
Tolomeo LIBERATORI
Marco PROSPERINI
Luciano ROSSI
Antonio SABELLICO
G. Bonichi: SCIPIONE
Marina TAGLIAFERRI
Giuseppe TANCREDI
Mario TOLOMEI
Massimino TOLOMEI


  COLLEPARDO è piccolo paese del Lazio meridionale, in provincia di Frosinone, posto tra i "Monti Ernici" (a 586 metri s.l.m.).

Incerta la data della sua fondazione, anche se la presenza nel territorio collepardese di avanzi di mura cosiddette "pelasgiche" dimostra che una piccola comunità era qui insediata fin dai tempi più remoti.

L'origine del paese va sicuramente ricercata nella prima metà del VI secolo, in località denominata "Castello di Trisulti", al tempo in cui Teodorico il Grande, re degli Ostrogoti, nel suo passaggio dalle Alpi alla Sicilia, occupò le terre del Lazio inferiore, organizzando i pastori nomadi in singole comunità parzialmente autonome. Del tutto infondata è invece una leggenda che, non suffragata da documenti né riscontri storici, vorrebbe che il paese fosse stato fondato da alcuni cittadini della vicina Alatri che, per sfuggire alle orde barbariche di Totila, si rifugiarono in queste zone.

IL NOME:
Riguardo all'origine del suo nome, ben quattro sono le versioni più ricorrenti:

1. Una prima teoria vorrebbe far derivare il nome dal primo comandante della colonia di Goti che governò il territorio;

2. Una seconda teoria lo farebbe derivare dal latino "collis arduis" (collina impervia), anche se appare poco convincente la successiva trasformazione in "collis pardis";

3. La terza teoria si richiama alla presenza nel territorio di numerose linci o gatti selvatici (volgarmente gattopardi), da cui avrebbe avuto origine il nome, che quindi significherebbe "colle del gattopardo". Questa teoria è la più diffusa, anche perché lo stemma araldico del Comune reca proprio l'effigie di un felino posto vicino ad un torrente;

4. In anni più recenti, lo storico e studioso locale mons. don Giuseppe Capone ha proposto una quarta teoria, secondo la quale il nome deriverebbe dall'antico termine "pardes" (parco, giardino o anche paradiso) e significherebbe quindi "colle giardino" o, più poeticamente, "collina amèna" se non addirittura "colle del Paradiso).

 
Ben presto dal primitivo insediamento gli abitanti cercarono spazio più ampio e comodo in località detta "Adragone" o "Atricone" (l'odierna frazione Civita), da cui successivamente si spostarono nel luogo ove sorge l'attuale paese. Esso con molta probabilità risale al periodo del cosiddetto incastellamento, e cioè ai secoli IX e X, quando si cinse di mura e torri possenti che lo resero un baluardo inespugnabile e che, continuamente restaurate e trasformate, ancora oggi ne circondano la parte più antica.

Nel corso dei secoli Alatri ha sempre accampato pretese sul territorio di Collepardo e promosso continue lotte armate per il suo possesso. Ma con l'elezione a Papa del cardinale Oddone Colonna, che prese il nome di Martino V, il territorio di Collepardo fu da questi concesso alla sua famiglia a partire dal 1422. In tal modo Collepardo si sottraeva per sempre all'odiato dominio di Alatri, anche se le diatribe continuarono violente per le delimitazioni dei confini tra i due comuni. Tornava così in mano ai Colonna quel territorio nel quale possedettero il già citato "Castello di Trisulti", da essi stessi distrutto nel 1300 perchè divenuto ricetto di pericolosi briganti.

Nel XVI secolo il governo effettivo del paese passò ad un ramo dei Tolomei di Siena, che, scacciati dalla loro città a seguito di lotte intestine, si trasferirono a Collepardo e, imparentatisi con la locale famiglia dei Lattanzi, diventarono per lungo tempo i fattori di casa Colonna, indirizzando di fatto il governo locale.

-----
A cura di Maurizio Grande
© Vietata la riproduzione in qualsiasi forma

Bibliografia:
G. Capone, Collepardo. Storia di un antico Castello, 1994
G. Giammaria-T. Cecilia, Lo Statuto di Collepardo (a cura di), 1988
A. Taglienti, Il Monastero di Trisulti e il Castello di Collepardo, 1984


Ritorno alla pagina principale di Collepardo